Sei qui

Chi è online

Abbiamo 294 visitatori e nessun utente online

Sociologia e Psicologia

Bimbi in stand- by con la pillola del Dott. Hyde

Postato in Sociologia e Psicologia

Charlie Chaplin- "Il Monello"

 

Bimbi in stand- by con la pillola del Dott. Hyde

Questo è il primo post confezionato per essere critico. In ogni scienza e in ogni ottica sono adottati dei modelli di critica per controbattere la prassi o la procedura canonica di trattamento. Sia ben chiaro che non sono un medico e non sono qui per dare lezioni di alcun tipo, l’unica cosa è che vorrei porre una riflessione, un modo per sensibilizzare e informare chi si affida ciecamente a delle speranze che vengono presentate come ultima spiaggia. L’argomento in questione è l’ADHD, noto anche come disturbo dell’attenzione e dell’iperattività (Attention Deficit/ Hyperactivity Disorder).  Come dal nome questa sindrome include un’ alto grado di disattenzione e una forte irrequietezza, nella maggior parte dei casi ad esserne colpiti, o meglio, i soggetti in cui si riscontra sono bambini e adolescenti. Certo non è semplice riferire un quadro generale in quanto si presenta sempre in uno stato di comorbilità, presenta cioè più disturbi contemporaneamente, la prognosi diviene realmente complessa in quanto la sintomatologia si presenta in maniera molto articolata. Generalmente i disturbi che accompagnano la sindrome sono il disturbo oppositivo- provocatorio e i disturbi della condottadislessiadisgrafia, i disturbi d'ansia e, fino ad arrivare nei casi più gravi alladepressione. Le cause possono essere varie alcune trovano delle malformazioni congenite riscontrabili con una semplice TAC, altri invece riportano degli errori nel modello educativo comportamentale, anche perché non è semplice definire tra sintomatologie simili cosa è ADHD e cosa non lo è … Ciò che di fatto rimane discutibile è il trattamento: A meno che non ci si rivolga a degli specialisti privati, una volta fatti gli esami di routine si parte con la somministrazione di terapie farmacologiche realmente consistenti. I farmaci applicati si dividono in due categorie:

farmaci stimolanti
Ritalin, Metadate, Concerta, Dexedrine, Adderall, Desoxyn e Vyvanse. In ogni caso occorre fare molta attenzione nella prescrizione di questo tipo di farmaci che incrementano il livello di dopamina stante la possibilità che creino dipendenza.

Strattera e Guanfacine Intuniv sono i soli farmaci non stimolanti approvati per la cura dell'ADHD.

Tutti questi medicinali non vengono assolutamente prescritti prima dell’età scolare in quantonon sono ancora ben noti gli effetti nel lungo termine.

Parimenti porrei invece attenzione sui benefici riscontrati nelle terapie cognitivo- comportamentali o nelle sedute di colloquio familiare volte alla rieducazione della famiglia uno studio nel 2009 ha riportato che anche i temi svolti insieme ai genitori portano dei chiari e riscontrabili benefici nel breve periodo. Quindi la domanda è: perché nelle strutture sanitarie pubbliche ci si appresta a presentare le cure farmacologiche piuttosto che tentare una via meno invasiva sempre ricordando che si tratta nella maggior parte dei casi di bambini?

Molto semplicemente perché ricordiamoci che se quelli che noi volgarmente chiamiamo “ospedali” si sono ribattezzati“azienda sanitaria locale” un motivo ci sarà! Un motivo che in primis porta il fardello della parola “azienda” che gira intorno a tutto il discorso di costi-  tempi-  benefici … Ma questi casi farmacologicamente trattati portano alla risoluzione di casi? Visto che ad oggi i dati sulla completa risoluzione del problema sono ancora poco chiari e poco reperibili … L’altra questione è perché ci sono dei Piennellisti (vati della PNL) che praticano dei trattamenti del disturbo in questione avendo degli ottimi risultati e con molte testimonianze disposte ad affermare di aver risolto il problema una volta per tutte?

Come al solito gli interrogativi sulla questione sono sempre molti. Tante domande ma come sempre poche risposte, delle mosche bianche direi. Nell’ottica del tutto e subito il qui e ora è divenuto imperativo ponderante. Alla proposta di battere una strada diversa e più mirata la risposta è che sei giovane e inesperto e che tutti in pasto all’età rivoluzionaria sognavamo un mondo diverso ...

FORSE!

Intanto, per ora, a pagare il saldo sono i bambini!

"Giù le mani dai bambini" Spot di sensibilizzazione

Michele di mauro